chi è FIORE

Tutto nasce da un triciclo che mio padre comprò alla fine della seconda guerra mondiale.
Aveva dei campi lontano da casa una trentina di chilometri. Acquistare un’automobile era impensabile, le gambe erano forti e muscolose: aveva passato l’ultimo anno della guerra lavorando come macellaio in una macelleria requisita dai tedeschi per approvvigionare i militari tedeschi in Italia.
Era stato obbligato ai lavori leggeri, una fortuna in fondo piuttosto di essere spedito al fronte a 18 anni. Ogni sera alle 21 partiva in bicicletta e percorreva i 31 km che lo separavano dalla macelleria e la mattina alle 6, preparate le razioni, se ne tornava a casa.
Quindi pedalare gli riusciva bene, la guerra era finita e tutto era da ricostruire.
Non c’era molto da raccontarsi: poteva coltivare i campi dopo il lavoro e un triciclo era quello faceva al caso suo per trasportare al mercato ortofrutticolo il suo raccolto.
Ecco ora, io non sono alla fine di una guerra mondiale e non penso ci sia altro da ricostruire, penso invece di essere all’inizio di un necessario faticoso grande cambiamento in cui ci sia più da decostruire che costruire. Penso che questa non sia una crisi economica ma una crisi dell’animo.
E così mentre mio padre preoccupato, seduto in giardino a prendere il suo grappino, mi chiedeva cosa avessi intenzione di fare dopo essermi licenziata solo perché … non ne potevo più, io ho visto il suo triciclo e ho pensato: “io ci salgo sopra e lo carico di fiori e li vendo”.
Niente di più: scendo dalla scrivania, scelgo fiori carini, particolari, colori inusuali, magari cerco di non affiancarmi sempre a grossi broker internazionali e cerco piccoli produttori. Mi vesto carina e me ne vado per la città urlando: “FIORE!!!!!”. Uso una carta velina bianca o beige come una volta e un cordoncino per legare i mazzi e magari stampo dei biglietti con sul fronte dei disegni di artisti amici e lascio dei libri a consultazione per scegliere frasi d’amore, d’amicizia, di in bocca al lupo.
Vorrei iniziare il cambiamento da qui, con la calma di una pedalata per pensare.

FIORE dopo cinquant’anni di oblio

FIORE-NELL'OBLIO FIORE-NELL'OBLIO-3 FIORE-NELL'OBLIO-1 FIORE-NELL'OBLIO-2

 

Annunci